PCA 12

PCA European Journal of Post-Classical Archaeologies, 12
2022, 408 pp., 190 imm. a colori
Brossura filo refe, 17 x 24 cm
ISBN: ISSN203978952022

€ 42,00 - Novità
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Sinossi

S ince the late 19th century, scholars of the past have been concerned with classifying material data, ordering them topographically or by type. But it is only over the last thirty years that computers have forcefully entered the horizon of archaeologists, for example with the spatial analyses made possible by the georeferencing data using GIS, both to interpret established distributions and to suggest them thanks to predictive analyses. This issue presents some applications: the simulation and prediction of conditions in the humidity of the soils of the Lower Veronese area in relation to the development of the land-dwelling settlements of the Recent Bronze Age; the automatic recognition of the cairns in the Marcesina area on the Asiago plateau; the automatic recognition of ceramics in the ArchAIDE project. On the other hand, research on the post-classical funerary world and the anthropological and chemical analyses are now consolidated, and this issue publishes two essays on late ancient contexts in Spain and the monastic cemetery of San Pietro di Pozzeveri (Lucca). The journal also includes various contributions related to research on important new sites such as the villa del Salar, an extraordinary late antique villa recently discovered near Granada (Andalusia) and where a detailed excavation has brought new data to the classic theme of the end of villas. There are also contributions on widely known sites such as Castel Seprio, where archaeological excavations and an accurate analysis of the built elevations allows us to propose new arguments in the history of this early medieval castrum in relation to the impact of earthquakes on historical architecture; or Rome itself and its construction sites. New archaeological investigations offer the reinterpretation of the suburban church of Santa Margarida in Empuries, based on the discovery of a monetary treasure in relation to the altar. The late medieval period is represented in this volume by an article on two towers and a castle, part of a maritime defence system built by the Turks. In occasion of the 50th anniversary of the 1972 UNESCO World Heritage Convention we publish a dense and provoking paper focusing on urban heritage, possibly the major unresolved challenge facing conservation theorists and practitioners in this 21st century. The volume is completed by two contributions that discuss methods of collaboration between English institutions dealing with the historic environment and the project “Under 18” carried out in Rome and derived from the experience of the “Derbyshire Scout Archaeology Badge”.

Allegati
  • Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine Leggi le prime pagine
Autori

Gian Pietro Brogiolo
Formazione interdisciplinare tra archeologia, storia e architetture presso le Università di Padova (laurea in storia nel 1968 con Carlo Guido Mor), Cattolica di Milano (perfezionamento in archeologia medievale nel 1974 con Michelangelo Cagiano de Azevedo), gruppi acheologici locali. Sette principali linee di ricerca tra progetti e approfondimenti teorici:

  • edizioni di fonti (tra cui Statuti del XV secolo di Polpenazze e Manerba nel 1973);
  • trasformazione delle campagne dalla protostoria all’età moderna tra: “archeologia globale” (territorio di Salò, anni ’70) , “archeologia della complessità” (progetto Alto Garda, 1998-2005), “archeologia dei paesaggi” (progetto APSAT, 2008-2013), “archeologia delle comunità rurali” e della sostenibilità (dal 2014);
  • città dal tardo antico al basso medioevo (Brescia 1980-1992; Padova 2007-2012);
  • castelli di prima e seconda generazione (Rocca di Manerba 1971-2009, Castelseprio-Torba 1977-2019, Monte Barro 1986-1997, Monselice 1989-1996, Garda 1998-2003);
  • chiese del primo millennio (con scavi di una ventina di chiese e codirezione, dal 1981, del Corpus Architecturae Religiosae Europeae);
  • archeologia delle architetture;
  • archeologia pubblica (dagli anni ’70), tra ricerca, tutela e divulgazione nelle successive vesti di archeologo volontario, funzionario, docente.

È stato team leader in numerosi progetti nazionali ed europei (tra cui Transformation of the Roman World e Charlemagne. The Making of Europe, 1998-2000, Memola 2014-2017), co-curatore di alcune mostre (tra cui tre sui Longobardi a Brescia 2000, Torino 2007, Pavia-Napoli-San Pietroburgo 2007), co-fondatore della Società degli Archeologi Medievisti Italiani della quale è stato presidente per due mandati (2004-2011). È autore di oltre 500 pubblicazioni. Già docente nella scuole medie (1967-1980), ispettore della Soprintendenza archeologica della Lombardia (1980-1985), libero professionista (1985-1992), professore di Archeologia Medievale nelle università di Siena e Padova (1992-2016), è attualmente archeologo volontario e co-direttore delle riviste "European Journal of PostClassical Archaeologies", "Archeologia Medievale", "Archeologia dell'Architettura" e delle collane "Documenti di Archeologia" e "Progetti di Archeologia", membro del comitato scientifico in altre riviste, socio degli Atenei di Brescia e Salò, accademico corrispondente dell’Acadèmia de Bones Lletres de Barcellona.

Francesca Benetti
Dottore di ricerca in Archeologia presso l’Università di Padova, è Deputy Editor della rivista Public Archaeology e supporta i lavori dell’Historic Environment Forum (un comitato esecutivo inglese per lo scambio di intelligence e informazioni per sostenere la ricerca, la protezione e l’utilizzo pubblico del patrimonio storico-archeologico). Il suo interesse di ricerca verte sulla legislazione e le politiche per i beni culturali in Italia e in Europa. Dal 2009 collabora con l’insegnamento di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Padova. Ha svolto periodi di visiting presso la University College London (2017-2018) e The Heritage Alliance (Londra) (2018-2019). Presso The Heritage Alliance è stata Policy Officer nel 2019. Collabora dal 2018 anche con la charity Waterloo Uncovered, che offre aiuto psicologico a veterani militari tramite la pratica degli scavi archeologici. E' coordinatrice della Public Archaeology Community presso la European Association of Archaeologists dal 2018. Dal 2011 è Editor Assistant della rivista European Journal of Post-Classical Archaeologies. Dal 2012 affianca all’attività di ricerca una collaborazione editoriale con la casa editrice SAP Società Archeologica, specializzata in archeologia.